MENU

I maestrini dalla penna rossa

Meng Wanzhou, una graziosa giovane donna cinese, viene arrestata in Canada, Trump chiede l’estradizione. La notizia viene battuta da tutte le agenzie, l’accusa è pesante: riguarda la presunta vendita di tecnologia all’Iran, un paese che Usa e Nato hanno deciso di boicottare. La ragione ufficiale è l’impegno a bloccare la proliferazione di armi nucleari e la pressione su quel governo che non rispetta la democrazia. Si potrebbe discutere sulla democrazia con cui l’occidente si riempie la bocca e sul fatto che, ad oggi, gli USA sono l’unico paese che le bombe atomiche le ha usate, sulla popolazione civile per giunta… ma questi sono dettagli. L’atteggiamento di fondo è quello esemplificato in modo insuperabile nella frase del Marchese del Grillo: “Io so’ io e voi nun siete’n cazzo”. La premessa è utile, almeno per quanti non hanno definitivamente rinunciato a riflettere, per inquadrare le conseguenza dell’arresto. Grande nervosismo e trend negativi nelle borse occidentali, con tutte le conseguenze che anche i diversamente intelligenti hanno ormai imparato ad elencare, provvidenzialmente edotti sulla finanza DIY dalla didattica ossessiva dei dei dottori dello spread. In altre parole la figlia ed amministratrice del colosso cinese Huawei viene arrestata nel quadro della guerra dei dazi che vede impegnate USA e Cina e tra le conseguenze c’è l’andamento negativo delle borse che a sua volta si traduce in perdite per gli investitori, rincari delle materie prime che se perdura produce un effetto domino che fa aumentare i tassi di interesse… cioè significa che il mutuo immobiliare del Signor Rossi per la villetta a schiera faticosamente acquistata con i risparmi di una vita, potrebbe diventare più oneroso. L’altalena delle borse segue anche le decisioni della FED, l’andamento dei raccolti di mais dell’Indiana, l’aumento della domanda di rame o il prezzo del Brent. Così il bracciante lucano, felicemente sposato con la casalinga di Voghera, deve accettare che i suoi risparmi seguano l’andamento di fatti e fenomeni rispetto ai quali non ha alcun potere e assolutamente alcuna responsabilità. Come del resto i governi, che se non obbediscono ai Rotschild vengono puniti… beh, non loro direttamente, mica tagliano lo stipendio ai ministri, a pagare sono i cittadini, la gente comune, quelli che l’insider trading non sanno cosa sia, quelli che pagano per tutti. Sempre. Il capitalismo funziona così, non l’hai ancora capito? Non c’è da stupirsi! Me lo ripetono in molti, troppi. In effetti non posso definirmi stupito, lo stato d’animo che mi descrive meglio è un misto tra l’incazzato e l’indignato: l’ho capito il neoliberismo, non cerco maestrini patetici che me lo spieghino, cerco piuttosto alleati che mi aiutino ad eliminarlo. Una volta per tutte.

Articolo Precedente:
Articolo Successivo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *