MENU

Il fascismo discreto della borghesia

Ragioniamo tutti per categorie, è una delle modalità di funzionamento del cervello umano. Si tratta di un meccanismo che influenza i nostri giudizi, le opinioni, le valutazioni.

I nostri simili ci sembrano “comunque migliori” dei diversi, è una delle radici del razzismo, un atteggiamento che spiega perché tendiamo a giudicare con maggior severità i crimini quando a compierli è un soggetto che non ci assomiglia e, al contrario, tendiamo ad essere indulgenti se il colpevole appartiene al nostro gruppo sociale.

Quando pensiamo agli USA non possiamo dimenticare che si tratta del paese che ha dato il contributo decisivo alla sconfitta del nazifascismo, certo dobbiamo fare la tara alla retorica a stelle e strisce e comprendere anche i risvolti economici ed imperialistici della “liberazione”, ma non oso pensare cosa sarebbe l’Europa pangermanica.

Proprio perché ragioniamo per categorie ci stiamo inconsciamente rifiutando di considerare la segregazione degli immigrati clandestini voluta dall’amministrazione Trump per quella che è: migliaia di persone, compresi bambini di tutte le età, sono detenuti in strutture del tutto simili a lager senza aver subito un processo equo e senza che ci siano organi e strumenti che ne tutelino i diritti.

Nuclei famigliari divisi e separati in modo crudele senza alcuna possibilità di comunicazione, persone che non sanno se e quando avranno diritto ad un processo degno di questo nome e che non sanno secondo quali principi saranno eventualmente giudicati.

Rendiamoci conto che si tratta di campi di concentramento, rendiamoci conto che la maggior parte degli occidentali sta chiudendo gli occhi, rendiamoci conto che tutto questo è drammaticamente simile a ciò che accadde nella Germania di Hitler.  (“La storia insegna, ma non ha alunni” A. Gramsci cit.)

One Response to Il fascismo discreto della borghesia

  1. Manlio Padovan ha detto:

    Sì, certo, gli USA sono intervenuti con forze fresche e mezzi moderni. Ma la guerra la decise la battaglia di Stalingrado e l’URSS da tempo chiedeva l’apertura di un fronte occidentale; ma gli USA e la GB non avevano ancora deciso se intervenire contro l’URSS o contro la Germania. I ga na fifa del Comunismo!
    A ciascuno il suo!
    Mi scusi l’ardire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *