Rem e Abao Aqu lavoreranno insieme
Vai al contenuto della pagina

Un incontro tra anime sensibili

Sottotitolo non presente

Leggi l'articolo

Un incontro tra anime sensibili

Jorge Luis Borges, nel suo Manuale di zoologia fantastica, racconta di un bambino che viene portato per la prima volta in un giardino zoologico, e può essere chiunque di noi. Un po’ come per Il fanciullino di Giovanni Pascoli che è in noi e di cui ci siamo dimenticati. E in questo giardino il bambino vede tutta la sfrenata varietà di animali viventi, reali o immaginari, che mai aveva visto. E questa visita che potrebbe allarmarlo e recare paura, finisce per piacergli così tanto da diventare un gioco.

E qui incontra l’A Bao A Qu, sensibile ai valori delle anime umane che, dal principio dei tempi, abita sulla scala della Torre della Vittoria a Chitor. L’A Bao A Qu vive in uno stato letargico sul primo gradino e si anima solo quando qualcuno sale la scala. Tanto più è sensibile il visitatore, tanto più l’A Bao A Qu si perfeziona e diventa raggiante, salendo di gradino in gradino. Pare che solo una volta abbia raggiunto la cima della Torre.

Il suo ritorno in vita è molto breve (dura un libro?) e, andando via il visitatore, rotola di nuovo al primo gradino per spegnersi “simile a una lamina dai contorni vaghi” dirà Borges.

Con la pandemia il rischio che l’A Bao A Qu potesse spegnersi definitivamente per mancanza di visitatori è stato molto alto. E il suo lamento, “simile al fruscio della seta”, anche se appena percettibile, è diventato un rantolo soffocato. E solo un essere pieno di purezza avrebbe potuto resuscitarlo per fargli riprendere a salire i gradini della conoscenza che porta le anime sensibili ad amare.

Da qui l’incontro con un visitatore speciale REM Ricerca Esperienza Memoria, uno spazio di idee, parole e opportunità creative che trova soprattutto nel Delta del Po il magma della sua fantasia e nella casa editrice Apogeo il culmine della sua storia. E l’incontro tra anime e sensibili è sempre una ricchezza, qualcosa di speciale, tanto che l’A Bao A Qu ha ripreso lentamente a salire e fantasticare, per giocare come il bambino. E il gioco, per quanto sia felice, porta con sé sempre un pizzico di meraviglia con paura perché è sempre a rischio di finire. Il gioco troppo somiglia alla vita.