MENU

“No frame portrait”: Dodicianni e Cavestro a Opera Prima

Andrea Dodicianni e Alessandro Cavestro saranno al Festival Opera Prima (www.festivaloperaprima.it) a Rovigo con il loro “No Frame Portrait”.

Il festival di teatro e arte performativa, che torna a Rovigo dopo dieci anni, prende il via il 13 settembre, con un programma di eventi sul tema “Generazioni” e con particolare attenzione ai nuovi linguaggi comunicativi.

Tra gli ospiti selezionati, anche il giovane artista polesano Dodicianni, che torna a Rovigo dopo più di un anno dalla sua ultima apparizione, accompagnato dal sodale art director Alessandro Cavestro.

Era giugno 2017 quando piazza Garibaldi apparve ai suoi cittadini coperta di salme: “Il peso delle parole” era il nome della performance che voleva sensibilizzare sul tema dei migranti morti in mare, destando all’epoca scalpore e polemiche.

Altri temi tocca invece l’esperienza che Dodicianni presenterà in occasione del Festival: No Frame Portrait” è la performance artistica che lo ha visto affacciarsi nel panorama italiano dell’arte contemporanea, ospitata inizialmente dal MUSEION di Bolzano e poi a Berlino.

L’esperienza che gli ospiti vivranno consiste nel farsi ritrarre musicalmente, con il solo utilizzo di un pianoforte, senza scambio di parole: l’artista si lascerà ispirare dalla persona e comporrà per lei un brano originale. La location scelta è quella delle segrete del castello medievale di piazza Matteotti, luogo suggestivo e affascinante, solitamente chiuso al pubblico.

Soltanto 60 i posti disponibili, prenotabili sui profilo social del festival e negli infopoint in città. “E’ davvero un piacere per noi tornare a lavorare nella nostra terra d’origine- commentano gli artisti -, l’auspicio è di trasmettere in quei giorni la potenza e l’importanza del linguaggio musicale e regalare alle persone una esperienza emozionante”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *