MENU

Rai5 rende omaggio a Tullio Serafin in concomitanza con la Settimana Serafiniana

Comunicato Stampa – Rottanova, 13 aprile 2018

“Bonaldo Giaiotti, tra i protagonisti dell’Aida del ’63 all’Arena di Verona, sarà a Cavarzere per la Settimana Serafiniana”

Si è aperta venerdì 13 aprile la terza edizione della Settimana Serafiniana, manifestazione dedicata a Tullio Serafin dalla sua terra d’origine, e proprio mentre a Cavarzere si susseguono concerti, conferenze e presentazioni di nuovi volumi dedicati al grande direttore la televisione nazionale rende omaggio al celebre maestro con tre appuntamenti dedicati ad altrettanti capolavori verdiani, che saranno in onda su Rai5. Un tributo che arriva a suggellare quanto l’associazione Circolo “Amici del M° T. Serafin” promuove a Cavarzere da quarant’anni in ricordo del maestro, insieme al lavoro che da oltre un decennio Nicla Sguotti, vicepresidente del Circolo e musicologa specializzata nella figura di Serafin, sta portando avanti con un continuo lavoro di ricerca e diverse pubblicazioni, tra le quali il volume “Tullio Serafin, il custode del bel canto” edito nel 2014 da Armelin Musica Padova e “Cinque lire per un biglietto. Tullio Serafin, la musica e l’incanto”, pubblicato da Apogeo Editore che viene presentato in anteprima il 14 aprile nel corso della Settimana Serafiniana.

Il nuovo libro di Nicla Sguotti dedicato a Tullio Serafin, con illustrazioni di Piero Sandano.

GLI APPUNTAMENTI TELEVISIVI

Sarà Aida la prima delle opere scelte da Rai5 per rendere omaggio a Tullio Serafin, definito nel comunicato dell’Ufficio stampa della Rai “uno dei massimi direttori d’orchestra italiani del Novecento”, nell’ambito dell’appuntamento “Domenica all’opera” che Rai Cultura dedica al maestro per il cinquantenario della scomparsa, in onda la domenica dal 15 al 29 aprile alle 10.00 su Rai5. Apre l’omaggio Aida proposta nell’edizione che Serafin diresse nel 1963 all’Arena di Verona con la regia di Herbert Graf e Carlo Maestrini. L’opera venne trasmessa in diretta l’8 agosto 1963 ma venne interrotta a causa della pioggia ed è quindi priva del quarto atto. Nel cast Leyla Gencer è Aida, Antonio Zerbini è il Re, Giulietta Simionato è Amneris, Gastone Limarilli è Radames, Bonaldo Giaiotti è Ramfis. E proprio il celebre basso sarà a Cavarzere venerdì 20 aprile insieme a Rino Alessi per ricordare Tullio Serafin, dal quale fu più volte diretto, e ripercorrere i momenti più significativi della sua carriera attraverso la presentazione del volume “Bonaldo Giaiotti. La voce del Friuli” edito da L’Orto della Cultura.

Aida del 1963 a Verona.

Rai5 propone anche altri due appuntamenti dedicati a Tullio Serafin: Otello, in onda domenica 22 aprile, proposto in una edizione del 1958 che nel ruolo del protagonista vede impegnato Mario Del Monaco, e Falstaff, in onda domenica 29, proposto in un allestimento del 1956. “Dagli inizi al Teatro alla Scala di Milano come sostituto di Toscanini e poi direttore al Metropolitan Opera di New York – così l’Ufficio Stampa Rai – la carriera artistica di Serafin è stata lunga e prolifica. Pur avendo diretto tutto il repertorio operistico tradizionale, non ha mancato di rivolgere grande attenzione anche al contemporaneo, che inseriva regolarmente nei programmi delle stagioni liriche da lui ideate. È stato mentore e scopritore di grandi nomi della lirica come Beniamino Gigli, Enrico Caruso, Mario Dal Monaco, Renata Tebaldi e nel 1962 Luciano Pavarotti. Assieme a Francesco Siciliani, è considerato lo scopritore di Maria Callas”.

 

TUTTI GLI EVENTI DELLA SETTIMANA SERAFINIANA

Ha preso il via venerdì 13 aprile la terza edizione della Settimana Serafiniana, manifestazione che il Circolo “Amici del M° T. Serafin” dedica al grande direttore, in sinergia con l’amministrazione comunale di Cavarzere e diverse realtà culturali e imprenditoriali del territorio. Ricco il programma della Settimana, che si apre venerdì 13 aprile con una lezione concerto a cura di Stefania Masiero, nel corso della quale si focalizzerà l’attenzione su “L’arte di Ravel” con interventi musicali che vedranno la stessa relatrice impegnata in un’esecuzione a quattro mani al pianoforte di “A petite suite” di Claude Debussy insieme a Silvia Urbanis e poi di musiche di Ravel con Luca Rettore al violino, Matteo Bergo al flauto e Michele Arrighi al clarinetto.

Il secondo appuntamento è in programma per sabato 14 aprile: alle 17.30 ci sarà nel foyer del Teatro Serafin l’inaugurazione della mostra dei disegni di Piero Sandano dedicati al celebre direttore e alle 18 in teatro inizierà il concerto inaugurale con gli allievi degli indirizzi musicali degli Istituti comprensivi di Cavarzere e di Loreo, gemellati nel nome di Serafin. Nel corso del concerto si svolgerà la presentazione del libro “Cinque lire per un biglietto. Tullio Serafin, la musica e l’incanto” scritto da Nicla Sguotti e illustrato da Piero Sandano, appena uscito con Apogeo Editore. Ci sarà anche la consegna dei riconoscimenti del concorso di disegno ispirato a Serafin, rivolto ai ragazzi dell’Ic di Cavarzere.

Mercoledì 18 aprile la manifestazione si trasferisce al ristorante Villa Momi’s per una cena con l’artista, che ripercorrerà il felice sodalizio musicale tra Tullio Serafin e Maria Callas, anche attraverso alcune specialità culinarie che fanno parte della loro storia. Interverrà il maestro Nicola Guerini, presidente del Festival Internazionale Scaligero Maria Callas e del Fondo Peter Maag.

Un momento molto importante sarà nel pomeriggio di venerdì 20 aprile, nella sala conferenze di Palazzo Danielato sarà presente, per la prima volta a Cavarzere, il basso Bonaldo Giaiotti, una delle straordinarie voci dirette da Tullio Serafin. Il maestro ripercorrerà la sua carriera insieme a Rino Alessi, autore del libro “Bonaldo Giaiotti. La voce del Friuli” edito da L’Orto della cultura, soffermandosi sulle sue collaborazioni con Serafin.

Bonaldo Giaiotti. Sarà a Cavarzere il 20 aprile per ricordare Serafin.

Sabato 21 aprile va in scena l’edizione numero quaranta del concerto Omaggio a Tullio Serafin, che avrà come ospiti il soprano Chiara Milini, il tenore Paolo Antognetti e il basso Rocco Cavalluzzi, accompagnati al pianoforte da Anna Brandolini. Nel corso della serata verrà consegnata la borsa di studio dedicata a Tullio Serafin, destinata ad una giovane promessa della musica cavarzerana.

A far da cornice alla Settimana Serafiniana saranno le vetrine che i commercianti di Cavarzere dedicano a Serafin, particolarmente apprezzate nella scorsa edizione. Quest’anno il ricordo del grande maestro si associa alle celebrazioni per i 70 anni della Costituzione, puntando l’attenzione sull’articolo 9 nel quale si afferma che la Repubblica promuove lo sviluppo della cultura e della ricerca scientifica e tecnica, tutela il paesaggio e il patrimonio storico e artistico della Nazione, del quale Tullio Serafin fa indubbiamente parte.

Per informazioni e approfondimenti sui vari eventi in programma è possibile consultare la pagina Facebook del Circolo “Amici del M° T. Serafin”.

Circolo “Amici del M° T. Serafin”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *