MENU

“Rigoletto” in Arena, buona la prima

È una regia che si ispira alla tradizione quella di Ivo Guerra, fedele al libretto e alle indicazioni della partitura, che trae ispirazione dalla prima rappresentazione areniana di Rigoletto del 1928, come omaggio alle grandiose produzioni dei primi festival lirici. Sabato 1 luglio è andato in scena nell’anfiteatro veronese Rigoletto in un allestimento del 2003, ripreso più volte fino al 2013, in occasione del Festival del Centenario dell’Arena di Verona. La messa in scena si può definire tradizionale, una scelta evidenziata sia dalla scenografia, per lo più pittorica, ad opera di Raffaele Del Savio che riproduce sulle gradinate areniane l’aspetto rinascimentale della città di Mantova, sia dai ricercati costumi cinquecenteschi ricreati da Carla Galleri.

0207_Rigoletto_FotoEnnevi_030_201707010207_Rigoletto_FotoEnnevi_041_20170701

Titolo tra i più amati dal pubblico, Rigoletto deve il suo successo a una partitura capace di tracciare i caratteri psicologicamente complessi e sfaccettati dei personaggi, combinando la ricchezza melodica con la forza dell’azione scenica. Ne risulta un’opera in tre atti tanto grottesca quanto sublime, che ruota attorno al leitmotiv della maledizione, tema che ricorre dal preludio alla conclusione in una riuscita simbiosi di musica e testo. A conquistare il pubblico in Rigoletto, ieri come oggi, contribuisce il suo porsi, nella produzione di Verdi, come linea essenziale di divisione tra le opere “prime” e quelle che seguiranno, una posizione speciale, solitamente esemplificata nella straordinaria libertà formale delle varie scene.

Gli applausi finali

Gli applausi finali

Nella prima areniana di Rigoletto si ritrova un cast internazionale, diretto dalla bacchetta di Julian Kovatchev alla guida dell’Orchestra areniana, alla quale si aggiunge il Coro preparato da Vito Lombardi. Nel ruolo del titolo il giovane baritono mongolo Amartuvshin Enkhbat, al suo debutto areniano, del quale colpisce la voce ma che non brilla per espressività e presenza scenica. Doti che invece sono consone a Gianluca Terranova, artista al quale il pubblico veronese ha più volte tributato i propri applausi, che domina la scena e dà vita a un Duca di Mantova brillante e capace di emozionare, è lui il vero protagonista della serata areniana.

Gianluca Terranova (Duca di Mantova) - II Atto

Gianluca Terranova (Duca di Mantova) – II Atto

Solo per la rappresentazione del primo luglio il personaggio di Gilda è affidato a Elena Mosuc, interprete d’esperienza forse penalizzata da una regia un po’ troppo statica che non le permette di esprimere al meglio le sue potenzialità interpretative, è apparsa in certi punti un po’ affaticata. Pienamente convincente e a suo agio nella parte di Sparafucile il basso Andrea Mastroni, altrettanto buona la performance di Anna Malavasi nel ruolo di Maddalena.

 

Amartuvshin Enkhbat (Rigoletto) e Andrea Mastroni (Sparafucile) - I Atto

Amartuvshin Enkhbat (Rigoletto) e Andrea Mastroni (Sparafucile) – I Atto

A completare il cast Alice Marini in Giovanna, Nicolò Ceriani nel Conte di Monterone, Marco Camastra come Marullo, Francesco Pittari in Matteo Borsa, Dario Giorgelè nel Conte di Ceprano, Marina Ogii per la Contessa di Ceprano e Omar Kamata al suo debutto in Arena nel ruolo di Usciere di corte, come Lara Lagni nel Paggio della Duchessa.

Amartuvshin Enkhbat (Rigoletto), Elena Mosuc (Gilda), Anna Malavasi (Maddalena) e Gianluca Terranova (Duca di Mantova) nel quartetto del III Atto.

Amartuvshin Enkhbat (Rigoletto), Elena Mosuc (Gilda), Anna Malavasi (Maddalena) e Gianluca Terranova (Duca di Mantova). Quartetto del III Atto.

Dopo la rappresentazione di sabato 1 luglio, Rigoletto torna in Arena nelle serate del 6, 14, 19 e 27 luglio, l’ultima data vedrà Leo Nucci nel ruolo del protagonista.

©Foto Ennevi/Fondazione Arena di Verona

Articolo Precedente:
Articolo Successivo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *