MENU

Rolando Panerai riceverà il Premio Internazionale Tullio Serafin 2018

COMUNICATO STAMPA – 21 ottobre 2018

Il celebre baritono ha lavorato con Tullio Serafin, Maria Callas e i più grandi artisti internazionali

Sarà il celebre baritono Rolando Panerai a ricevere il Premio Internazionale Tullio Serafin 2018. Nell’anno delle celebrazioni per i 140 anni dalla nascita e i 50 anni dalla scomparsa del grande direttore, la Città di Cavarzere, inaugura la prima edizione del prestigioso riconoscimento che sarà conferito annualmente ai personaggi di spicco del mondo della musica e della cultura.

L’iniziativa voluta dal Comune e dall’Amministrazione comunale di Cavarzere, insieme con lo storico Circolo Tullio Serafin, si realizza grazie al Comitato del Premio rappresentato dal direttore artistico Nicola Guerini, direttore d’orchestra e presidente del Festival Internazionale Maria Callas, dal musicologo e critico musicale Giovanni Gavazzeni, dalla studiosa e scrittrice Nicla Sguotti, vicepresidente del Circolo Tullio Serafin e da Paolo Fontolan, Assessore alla Cultura di Cavarzere e vicesindaco.

Un premio all’eccellenza che nasce come espressione di dialogo con tutte le attività che celebrano l’arte e il pensiero di Tullio Serafin.

Dal 1979 il Comune di Cavarzere, che comprende anche Rottanova, la cittadina natale del Maestro, ha dedicato numerose attività al suo illustre concittadino. Proprio nel ‘79 si svolse nel cimitero di Rottanova la cerimonia di sepoltura del celebre artista, alla presenza delle autorità e del direttore d’orchestra Gianandrea Gavazzeni. 

In tale occasione, venne posta una lapide commemorativa sulla facciata della casa natale e furono coniate delle medaglie celebrative con una preziosa dedica sempre del M° Gavazzeni.

Il Circolo Tullio Serafin, sostenuto dall’Amministrazione comunale e dall’Assessorato alla Cultura è attivo da quarant’anni e ha ospitato importanti artisti tra i quali Fedora Barbieri, Gianfranco Cecchele, Giuseppe Di Stefano, Leyla Genger e Rolando Panerai, Renata Tebaldi come madrina alla cerimonia per l’inaugurazione del monumento dedicato al maestro e nel 2008 Raina Kabaivanska come madrina per l’inaugurazione del Teatro Comunale di Cavarzere intitolato a Tullio Serafin. Significativa è la collaborazione del progetto con il Festival Internazionale Maria Callas di Verona. La figura di Tullio Serafin è legata indissolubilmente a Verona come città dell’Arena, dell’arte e della grande musica: egli infatti fu l’artefice del successo della prima Aida del 10 agosto 1913 consacrando sotto la sua bacchetta l’Anfiteatro romano come Tempio dell’opera all’aperto più grande del mondo. Ma quando si parla di Tullio Serafin e Verona si intende anche Maria Callas, che debuttò con lui il 2 agosto del 1947 ne La Gioconda di Amilcare Ponchielli.

***

L’Amministrazione comunale di Cavarzere, attraverso il vicesindaco Paolo Fontolan, esprime la propria soddisfazione per il prestigioso progetto del Premio Internazionale Tullio Serafin, che nasce come dialogo con le realtà culturali che celebrano il Maestro: «La nostra Città da decenni ricorda il grande Maestro con l’annuale concerto “Omaggio a Tullio Serafin” e la “Settimana serafiniana”, da quasi trent’anni a Cavarzere esistono realtà come il coro cittadino, l’orchestra sinfonica e l’orchestra giovanile che portano il nome del Maestro e con passione proseguono il proprio cammino. A coronamento di questo 2018 in cui abbiamo ricordato i cinquant’anni dalla scomparsa del grande Maestro, nasce un nuovo progetto internazionale che si pone in dialogo con tutte le realtà che nel mondo lo ricordano. Ringrazio il Circolo Tullio Serafin di Rottanova, il Festival Internazionale Maria Callas di Verona ed in particolare il M° Guerini per la collaborazione. La gratitudine ed il plauso della nostra città si estende poi a tutte quelle realtà che in questo anno serafiniano hanno contribuito e contribuiranno, con varie iniziative anche in sedi prestigiose, a ricordare il Maestro. Cavarzere certamente non manca all’appello».

Associazione Circolo Tullio Serafin        

Articolo Precedente:
Articolo Successivo:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *