Proponiamo ai nostri lettori i versi di 12 grandi poeti veneti, una scelta curata con sguardo attento, esperto e sensibile da Sandro Marchioro.
Vorremmo che di questi autori si tornasse a parlare e che soprattutto si tornasse a leggerli: sono 12 grandi poeti veneti, alcuni noti altri meno. Sono comunque voci che vorremmo riascoltaste. Li proponiamo così: solo testo, nome e luogo, come negli epitaffi; senza la confusione intorno di parole, di commenti o di “spiegazioni” (come si fa a scuola): ognuno cerchi di sintonizzarsi a modo proprio, magari cercando, magari ascoltando. Buona lettura.

Eugenio Ferdinando Palmieri
Vicenza, 1903 – Bologna 1968

STANOTE

Stanote vien la Vecia.
Soto el camin, Nineta,
destira la calzeta,
e l’anema parecia.

Gh’è odor de vovi in tecia
ne la cusina chieta.
Quanti zogèli speta
la Nina da la Vecia.
Intanto la se specia.

Sogna stanote Nina
el mondo dei signori
che slùsega beato,

e se doman matina
par ti no ghe xe ori
te pago el mandolato.

Eugenio Ferdinando Palmieri, Poesie, Rovigo, Il ponte del sale, 2020, pag. 65

INTRADA

Ciufi d’erba su la piera:
primavera.

Primavera che vien fora
di canali verdeciari,
primavera che se buta
sora i olmi e i persegari,
primavera moscardina
biancospina,
primavera a le fontane
primavera ne le altane,
foie, çighi,
primavera vado a nidi.
Me remeno drento ‘l sole,
tra le siese.
Magno tera.
Me speocio e me scataro,
me imbandiero co le strasse
del granaro.
Tiro un’ostia, mio Signore,
se mi crepo in primavera.

Benedete mio Signore,
ste matine.

Me morosa lazarona
co’ le ròndane la canta,
la se infiora de pensieri
la se palpa le tetine
la se specia in tutt’i veri, la se incanta.

Eugenio Ferdinando Palmieri, Poesie, Rovigo, Il ponte del sale, 2020, pag. 113

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *