Proponiamo ai nostri lettori i versi di 12 grandi poeti veneti, una scelta curata con sguardo attento, esperto e sensibile da Sandro Marchioro.
Vorremmo che di questi autori si tornasse a parlare e che soprattutto si tornasse a leggerli: sono 12 grandi poeti veneti, alcuni noti altri meno. Sono comunque voci che vorremmo riascoltaste. Li proponiamo così: solo testo, nome e luogo, come negli epitaffi; senza la confusione intorno di parole, di commenti o di “spiegazioni” (come si fa a scuola): ognuno cerchi di sintonizzarsi a modo proprio, magari cercando, magari ascoltando. Buona lettura.

Gino Piva
Milano, 9 aprile 1873 – Vetrego, 30 agosto 1946

El gelo
“Butè butè sul fogolaro o mama
scorse, radise e casteloni suti,
feme na vampa bela granda, mama,
che fora e drento la ne scalda tuti.

Vardè ‘l birosso piantà là nel giasso
co’ la me vanga deventà de brina;
vardè la morte che la tira el lasso
e tuto casca morto in ‘sta rovina.

Cussì se morto nel me cuore on sogno,
o mama bela, che contar non so…
po’ vu savì ch’a pianzer me vergogno
e che prima de pianzer morirò.

Mama, scoltème, supiè sul fogolaro
ed impissè col vostro fià la vampa,
la vampa rossa che fa caldo e ciaro,
el fogo, mama, se volì che campa.

Nati in tel fredo per morir de fredo,
questo e non altro mai che sia ‘l destin?
questa, o mia mama, questa qua che vedo,
senza falive, che sia mai la fin?

Che fredo, mama! Vardè là ‘l birosso
co’ le rode ch’el giasso ga fermà
e ocore prima che da là ‘l sia mosso
el sole che lo gabia desgiassà.

Ma chi desgela el nostro cuore, mama?
L’è morto el sole e chi lo sa fin quando
e se la boca nostra el sole ciama
o mama mia, la gelarà ciamando…”

Nella pianura, tra canali e nebbie, l’inverno è tristissimo. La povera gente sta la più parte dei giorni inoperosa, pensierosa e desolata, nelle case spesso senza una fiamma. Tutto è gelato; anche il cuore degli uomini.

Gino Piva, Poesie, Venezia, Marsilio, 2000, pagg. 117-118

Avemaria
L’ora a l’è chel polame (1) el va al ponàro
che da i so busi scapa i babastrei,(2)
che a colgarse(3) se prepara el boàro
e l’è la corte un s-ciapo (4) de putei:

l’ora che no’ l’è scuro e no l’è ciaro
e che le pute mola zo i cavei,
l’ora che bate in cuore e ‘l campanaro
sbatocia l’Ave. Ave Mater Dei…

Coragio zente. In tel finir del giorno,
spetemo ancora de doman la luse,
spetemo ancora un’Ave de ritorno:

quela ch’i sona quando el giorno sluse,
come un bondì per ogni cosa intorno,
come un conforto se un dolor ne struse.

(1) Ponaro: pollaio
(2) Barbastrèi: pipistrelli
(3) Colgarse: coricarsi
(4) S-ciapo: frotta

Gino Piva, Poesie, Venezia, Marsilio, 2000, pag. 167

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *