Proponiamo ai nostri lettori i versi di 12 grandi poeti veneti, una scelta curata con sguardo attento, esperto e sensibile da Sandro Marchioro.
Vorremmo che di questi autori si tornasse a parlare e che soprattutto si tornasse a leggerli: sono 12 grandi poeti veneti, alcuni noti altri meno. Sono comunque voci che vorremmo riascoltaste. Li proponiamo così: solo testo, nome e luogo, come negli epitaffi; senza la confusione intorno di parole, di commenti o di “spiegazioni” (come si fa a scuola): ognuno cerchi di sintonizzarsi a modo proprio, magari cercando, magari ascoltando.
Buona lettura.

Berto Barbarani
Verona, 3 dicembre 1872 – Verona, 27 gennaio 1945

CONSILI

Se te pensi al to moroso,
guarda ben che no i te veda;
quela vèntola (1) de seda (2)
qualche volta pol (3) tradir,
co la scusa,
che l’è sbusa (4)…

Se el birbante el cambia idea,
perché ben no ‘l te volea
piansi in modo che i te creda,
sbrega (5) e bagna fassoleti,
che i sia picoli e a buseti (6)
in maniera che i te veda…

Sol con queste verità,
qualche altro cascarà.

(1) Vèntola: ventaglio
(2) Seda: seta
(3) Pol: può
(4) Sbusa: bucata
(5) Sbrega: straccia
(6) Buseti: piccoli buchi

Berto Barbarani, Tutte le poesie, Milano Mondadori, 1953, pag. 361

LA NEBIA

La nebia, fioi, l’è quela çénar (1) grisa
che la par tamisada (2) in çimitero…
Quando che l’aria ciapa udor(3) da fero
e la se mete intorno sta camisa,

tuto de colpo l’ocio se spoetisa (4),
par mi no so qual magico mistero:
parlo con Toni e me risponde Piero…
Baso Nineta e l’è la vecia Lisa…!

Messa in màscara e in balo sta gasèra (5)
la vita te deventa un carneval
dove tuti la fa a la so maniera…

Te ciami (6), par esempio, un vetural
parché el te porta a finir ben la sera (7)
e quelo te compagna a l’ospedal!

(1) Çenar: cenere
(2) Tamisada: passata al setaccio
(3) Udor: odore
(4) Se spoetisa: resta deluso
(5) Sta gasèra: questa confusione
(6) Te ciami: chiami
(7) A finir ben la sera: nel senso di divertirsi

Berto Barbarani, Tutte le poesie, Milano Mondadori, 1953, pag. 433

2 risposte

  1. Consiglio anche la lettura di I va in Merica:
    Fulminadi da un fraco de tempesta,
    l’erba dei prè par ‘na metà passìa
    brusà le vigne de la malatia
    che no lassa i vilani mai de pèsta;

    ipotecado tuto quel che resta,
    col formento che val ‘na carestia,
    ogni paese el g’à la so angonia
    e le fameie un pelagroso a testa!

    Crepà la vaca che dasea el formaio,
    morta la dona a partorir ‘na fiola,
    protestà le cambiale del notaio,

    una festa, seradi a l’ostaria,
    co un gran pugno batù sora la tola:
    “Porca Italia” i bastiema: “ andremo via!

    ”E i se conta in fra tuti. – In quanti sio?
    – Apena diese, che pol far strapasso;
    el resto done co i putini in brasso,
    el resto, veci e puteleti a drio.

    Ma a star qua, no se magna no, par dio,
    bisognerà pur farlo sto gran passo,
    se l’inverno el ne capita col giasso,
    pori nualtri, el ghe ne fa un desìo!

    Drento l’Otobre, carghi de fagoti,
    dopo aver dito mal de tuti i siori,
    dopo aver fusilà tri quatro goti;

    co la testa sbarlota, imbriagada,
    i se da du struconi in tra de lori,
    e tontonando i ciapa su la strada!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *