Il documentario “Dino” di Alberto Gambato sarà al centro di un incontro a Villa Valente Crocco a Salvaterra di Badia Polesine, questo venerdì 19 gennaio 2018.

Di “Dino” abbiamo parlato nel numero di REM uscito a dicembre (ne parliamo qui) e tuttora in edicola. Una preziosa occasione per vederlo e sentirlo commentare dall’autore sarà proprio questo venerdì, alle 21.00 alla villa, divenuta Casa della cultura e della legalità, in via dei Partigiani, 262 a Salvaterra.

Diretto, fotografato e montato da Alberto Gambato, il documentario sul padre del rugby rodigino è nato dalla collaborazione tra il regista, il giornalista Ivan Malfatto e Sarah Lanzoni. Malfatto, giornalista del Gazzettino di Rovigo, interverrà nel corso della presentazione.

 

Il progetto di documentario su Davide Lanzoni, detto Dino, è nato nel 2015, grazie alla raccolta di una serie di testimonianze di amici, colleghi e parenti di Lanzoni, ad opera di Malfatto e Gambato, per le celebrazioni del centenario della nascita di Lanzoni, su iniziativa dell’Associazione MondOvale – Centro Studi e Documentazione di Rovigo.

Il regista, Alberto Gambato
Il regista, Alberto Gambato

Il film traccia la parabola vitale polimorfa di Lanzoni: nativo di Lendinara – dove il padre si era trasferito dalla città romagnola di Castel Bolognese – e portatore del primissimo pallone ovale nella città di Rovigo, fondatore della S.S. Rugby Rovigo, giocatore e allenatore di rugby, medico condotto, medico sportivo e dirigente sportivo.

Il documentario ricostruisce dunque anche la genesi del gioco del rugby nella città italiana che più si identifica con questo sport, grazie al recupero di materiale di repertorio inedito derivante dal fondo dell’associazione MondOvale, dall’archivio della famiglia Lanzoni, da collezioni private e pubbliche provenienti da Rovigo, Lendinara, Bologna, Castel Bolognese e Cesenatico. Fondamentali le testimonianze filmiche raccolte da amici, colleghi, parenti ed ex compagni di squadra di Lanzoni.

Info: tel. 339.8379831 – info@cdponlus.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *