Un’estate di spettacoli logisticamente ridotti, di misurazioni di temperatura, di sguardi persi sotto le mascherine e di timori che ritornano, non poteva esser meglio rappresentata dall’ultimo degli “artisti maledetti”, quelli dissacranti ed umani, strada e libertà, alcol droga e rock’n’roll, che sbagliano sì, ma si redimono anche. Arriva col suo nuovo spettacolo “Giù la maschera” a Tra ville e giardini 2020, Bobo Rondelli, cantautore della Livorno fondata “da ladri, prostitute, prigionieri politici” (come ricorda lui), ma anche attore e scrittore. Appuntamento in piazza San Rocco a Costa di Rovigo, mercoledì 12 agosto 2020, alle 21.30.

La direzione della rassegna precisa che, viste le difficoltà riscontrate nelle prenotazioni on-line, per questo evento e per tutti quelli a seguire, sarà possibile acquistare i biglietti direttamente all’ingresso dello spettacolo, a partire dalle 19.30. A tutti si ricorda l’obbligo di indossare la mascherina e di consegnare l’autocertificazione sanitaria compilata e firmata, scaricabile dal sito www.enterovigofestival.it, nella pagina dedicata a Tra ville e giardini.

Questa prima parte del cartellone di Tra ville e giardini, che quest’anno è stata una vera scommessa per la Provincia di Rovigo, l’Ente Festival, Fondazione Cariparo e tutti i 13 comuni polesani che stanno organizzando a turno la rassegna, si chiude con uno spettacolo di quelli che si affrontano col sorriso e la voglia di giocare.

Bobo Rondelli, voce e chitarra, torna in scena con questo show leggero, fatto apposta per tornare a respirare all’aperto, dopo lo stop casereccio, fatto di balconi e socializzazione digitale. Al suo fianco il pianista e tastierista Claudio Laucci. L’ultima volta lo avevamo visto al Festival di Sanremo, in uno strepitoso duetto con Irene Grandi sulle note eterne di “La musica è finita” (Bindi, Califano, Salerno), brano cult del Sanremo 1967.

Mescolerò comicità e provocazione, suggestioni poetiche e ballate che sanno toccare l’anima. Porterò sul palco tanta energia e voglia di divertire e strappare un sorriso“. Questo ha detto Rondelli al via del suo tour. E’ così che Rondelli mette insieme i pezzi migliori del suo pluridecennale repertorio, con un sapiente dosaggio di monologhi, che illustrano le canzoni e la loro genesi, brani esilaranti ed altri commoventi. Non mancano nemmeno letture dal suo ultimo libro autobiografico “Cos’hai da guardare” (2019, Mondadori), che Roberto interpreta da grande attore, mettendoci il cuore.

Tra Ville e Giardini XXI è promossa ed organizzata da Provincia di Rovigo, co-finanziata da Regione del Veneto Reteventi, sostenuta da Fondazione Cassa di risparmio di Padova e Rovigo, con l’organizzazione tecnica di Ente Rovigo Festival e la collaborazione dei Comuni di Adria, Ariano nel Polesine, Badia Polesine, Castelmassa, Ceneselli, Ceregnano, Costa di Rovigo, Fratta Polesine, Lendinara, Melara, Polesella, Porto Tolle, Rovigo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *