Lo struscio per “Strada Grande” non mi è così di noia solo quando la vecchia porta dell’ex biblioteca è aperta per ospitare qualche piccola mostra. E’ proprio lì che ho conosciuto il fotografo Toni Gnan. Bonario custode delle sue foto e aperto, senza vanagloria, nel parlartene, esponeva scatti in bianco e nero di Venezia che mi hanno colpito fin da subito per cura e intimità. Sono una visitatrice esigente e quel LA non mi bastava. Aveva ragione il mio intuito. Visitando il suo sito, ho scoperto la ricerca preferita del suo fare fotografia: il paesaggio del Delta del Po. Ho trovato. Ho trovato Bellezza. Con i suoi occhi, il viaggio nei nostri luoghi si fa silenzioso e interiore.  Proprio queste due ultime parole, a parer mio, sono la chiave delle sue foto. Sacche, valli, piccoli specchi d’acqua, case rurali, campi coltivati o sporadiche figure umane ritratte per lo più di spalle, quasi a non volerne violare l’intimità, conducono  per mano verso un vivere ancora possibile, semplice, dove l’animo umano si espande e si riconcilia con la Natura.

Per deformazione personale, ho scelto una foto in bianco e nero, ma non sono da meno anche gli scatti a colori. La sezione è davvero incantevole. Bianchi e neri intensi, di grande impatto, che arrivano senza chiedere il permesso. A tratti possono sembrare duri, ma che sanno farsi addolcire con orizzonti perduti e cieli caritatevoli, carichi di luce e nuvole.

Ho sempre inteso la semplicità, non come sinonimo di pochezza, ma come la capacità di saper togliere tutto il superfluo. Come ricerca costante, sottile e difficoltosa di essenza.  La cerco nella mia vita e non posso non farlo in fotografia.

Una fotografia che oggigiorno mi arriva urlante e pacchiana. Che chiede disperatamente di  essere vista, ma che in realtà si riduce a mere e personali santificazioni con ben poco o nulla da donare. A volte io chiudo gli occhi. Qui non è successo questo. Ho lasciato entrare tutto.

 

“Memorie, è un negativo fatto se mi ricordo bene a fine anni 80. La località è Laguna Vallona a Porto Levante, all’incirca di fronte a valle Bagliona, dove ora c’è un’area di sosta. Ora non esiste più e mi ricordo che per fare la foto ho camminato per un paio di chilometri lungo la riva sabbiosa a quel tempo esistente.”

 

Biografia

Toni Gnan vive e risiede ad Adria. Negli anni ottanta, all’età di 36 anni, acquista la sua prima reflex. Nel 1983 inizia a partecipare a concorsi fotografici, curando personalmente lo sviluppo e la stampa in bianco e nero, e conseguendo risultati incoraggianti con numerosi riconoscimenti in Italia e all’estero.
Ha tenuto mostre personali in numerosi circoli fotografici ed enti locali;  ha collaborato con riviste nazionali ed estere e con associazioni culturali nella edizione di testi didattici.Nell’aprile del 1987 la Federazione Italiana Associazioni Fotografiche gli conferisce  l’onorificenza AFI ( Artista Fotografo Italiano ), mentre nel 1990 ottiene il riconoscimento AFIAP ( Artiste FIAP) dalla Federation Internationale de l’Art Photographique. Nel 2001 il circolo fotografico spagnolo Diafragma Foto di Cordoba ha curato l’edizione di 4 CD con le immagini più rappresentative di fotografi del fine millennio, inserendo nella sezione dedicato agli autori internazionali 10 sue fotografie in bianco e nero.
Attualmente si  dedica a presentare il Delta con mostre ed audiovisivi realizzati con l’uso della tecnologia digitale.

 

Si ringrazia Toni Gnan per la gentile concessione della fotografia.

Al link, il sito personale www.deltaimmagini.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *