Prende avvio “I COLLEGIALI DELLE ANGELINE”, il progetto di conoscenza e recupero dell’importante e ai più sconosciuta realtà che ha rappresentato l’Orfanotrofio “San Vincenzo De’ Paoli” per la comunità adriese e bassopolesana.

La due giorni celebrativa prevede nella giornata di sabato 14 maggio il Convegno “ACCOGLIENZA E SOSTEGNO PER LA COESIONE SOCIALE”, che è anche il titolo del progetto che è stato finanziato dal C.S.V. (Centro Servizi per il Volontariato) di Rovigo, grazie ad una proposta progettuale approntata dall’Associazione Genitoriale di Volontariato Onlus “ATTIVE TERRE – Sostegno e sviluppo di Uomini Famiglie Culture Territori” di Adria, presieduta da Alessandro Andreello, che ne ha curato l’ideazione e l’approntamento e attraverso la quale si attuerà.

L’iniziativa vanta il Patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Adria, dell’ufficio Scolastico territoriale: Ufficio V – Ufficio di Padova e Rovigo , del Forum delle Associazioni Genitoriali nella scuola della provincia di Rovigo (FOPAGS) e del Liceo “Bocchi-Galilei”, oltre che il benestare della Parrocchia della Cattedrale di Adria e della Compagnia di Sant’Orsola – Figlie di Sant’Angela Merici, oltre che il coinvolgimento delle classi III e IV B dell’indirizzo Scienze Umane del Liceo.

L’iniziativa riporterà in città e nei luoghi che hanno frequentato per svariati anni molti ex Collegiali di varie generazioni provenienti un po’ da tutta Italia.

Sabato quindi 14 maggio s’inizia con il convegno che si svolgerà presso l’aula magna del Liceo, nell’edificio “Giacomo Badini”, in via F. Cavallotti 26 ad Adria (Ex Magistrali) dalle ore 9.00 alle ore 13.00. Numerosi sono gli interventi previsti dei prestigiosi relatori:

• Il Sindaco della Città Massimo Barbujani o suo delegato
• Per la Parrocchia della Cattedrale di Adria, Monsignor Mario Furini o suo delegato
• La direttrice della Casa delle figlie di S. Angeli Merici, Luisa Celio
• La Dirigente scolastica del Liceo Bocchi-Galilei Prof.ssa Silvia Polato
• La Coordinatrice del FOPAGS provinciale, Maestra Delfina Cosetta Pellegrini
• Per il Dirigente scolastico Territoriale di Padova e Rovigo, Dott. Andrea Bergamo, la Dirigente scolastica Prof.ssa Cristina Gazzieri
• La Dott.ssa Silvia Ingegneri autrice del libro “Il Basso Polesine i suoi orfani”, 2004
• Gli alunni della Classe IV B Scienze Umane- Liceo Bocchi-Galilei
• Gli alunni della Classe III B Scienze Umane- Liceo Bocchi-Galilei
• Prof.ssa Elisabetta Bocchini
• Alcuni Collegiali
• Dipendente Poste Italiane Renato Benvegnù
• I Collegiali Paolo Paganin e Alessandro Andreello
• La Prof.ssa Arch. Eleonora Canetti
• Il Prof. Antonio Gardin (già Dirigente scolastico)
• Chairman: Dott. Alessandro Andreello

Nella “Giornata internazionale delle famiglie” di domenica 15 maggio, invece, saranno coinvolte oltre a tutte le maggiori Istituzioni cittadine, tutti coloro che da studenti, assistenti, religiosi l’hanno frequentato, oltre che varie persone della società civile che a diverso titolo hanno varcato la soglia del Collegio “S.Vincenzo de’ Paoli” e a quanti abbiano affiancato la comunità dell’Orfanotrofio sostenendone e condividendone le finalità e il percorso educativo e di accoglienza.

Nel corso della giornata vari sono i momenti significativi da sottolineare, dalla Messa commemorativa celebrata presso la Cappella dell’Orfanotrofio San Vincenzo, completamente pulita e riportata dai collegiali Maurizio Granzieri, Licio Vittorio Girotti e Alessandro Andreello all’antico splendore, all’anteprima della Mostra Fotografico-Documentale, frutto dell’imponente lavoro di sistematizzazione di tutto l’archivio fotografico giacente presso la casa di via Cairoli, 40, che verrà poi aperta in Sala Cordella dal 31 maggio al 12 giugno prossimo.

Il pranzo conviviale è programmato presso l’Istituto Professionale di Stato “Giuseppe Cipriani”, Servizi per l’Enogastronomia e l’Organizzazione Alberghiera (IPSEOA), dove gli allievi daranno sfoggio delle loro capacità con l’impiego delle eccellenze produttive del territorio.
Il termine della giornata sarà segnato dal “Tea time concert” a cura di un’ulteriore eccellenza della città: gli allievi del Conservatorio di Musica di Adria “Antonio Buzzolla” che suoneranno una selezione di brani musicali sul tema della famiglia.
L’esito positivo di questa impegnativa operazione, ricorda il presidente di Attive Terre, Alessandro Andreello, è da ascrivere soprattutto a coloro che sono intervenuti sull’archivio di via Cairoli, 40, ed hanno collaborato alle ricerche come Alessio Crepaldi, Maurizio Granzieri, Renato Benvegnù ed Eleonora Canetti. Si sono così gettate le basi per la scoperta e riappropriazione di un vissuto cittadino e territoriale e di una realtà che ha costituito un riferimento importante per la nostra società.

DSC_0009

21marzo2015 (20)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *