Nel prossimo numero di REM parleremo del campanile della Tomba di Adria. O, meglio, dell’antico faro che sorgeva al suoi posto. Incuriositi? Abbiamo chiesto qualche anticipazione all’autore dell’indagine, Marco Barbujani.

C’è chi dice che il campanile della Tomba, ad Adria, fosse il faro dell’antico porto. Ma come, un passato marinaresco? Adria era ancora più attiva e vivace di oggi?
Sì. Lo vedremo facendo un salto indietro nel tempo, all’epoca in cui Adria era un gruppo di isole nella laguna Septem Mària. La città era un importantissimo porto romano, rimasto attivo anche in seguito, da cui passavano molte imbarcazioni.

Ma il campanile della Tomba è stato costruito solo nel 1931…
Vero. La storia del faro romano si riferisce alla torre precedente, che poi è stata demolita. Oggi quasi nessuno se la ricorda più.

Quella di cui oggi resta solo un pilastro di mattoni sbeccati?
Proprio lei.

E davvero quella torre era il faro romano o, almeno, una sua parte?
Lo scopriremo alla fine del nostro viaggio nel tempo, valutando bene gli indizi incontrati.

Non si può anticipare proprio niente?
Sì, poi vedremo anche chi c’era dietro la costruzione del campanile.

Ma c’è già un’infinità di articoli a riguardo.
Vero. Qui però siamo andati in cerca di chi davvero fossero gli artefici nella loro vita, una volta tornati a casa. Si scopre un campanile fatto anche da persone, non solo di mattoni e storie…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *