Riaprono le librerie, insieme con altri negozi. Un inizio, sì. Un segno che si ricomincia. Che qualcosa si muove verso la normalità. Ma già parlare di normalità è fuorviante. Se normalità è lo stato precedente, mi sa che non torneremo da quelle parti. Di sicuro non in tempi rapidi. Però intanto si può andare a comprare qualche libro. Prudenti. Scaglionati. Protetti. Un importante quotidiano ha dedicato il suo prestigioso inserto culturale ai consigli d’autore. Dieci grandi firme hanno suggerito ognuna dieci libri da leggere. Ce ne sono pochi tra le mie letture. Però le librerie riaprono… E la primavera sta esplodendo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *