Qualche sera fa c’era un dialogo su Zoom con i ragazzi – si fa per dire – del Banco alimentare, l’iniziativa di aiuto alle famiglie in difficoltà cui partecipo con Tiziano, che me la propose qualche anno fa. Andiamo ogni due settimane a portare un pacco con generi alimentari a una famiglia con quattro figli. Una situazione complicata, ma non perdono il sorriso. In questo periodo non si poteva andare. Proprio ora che la moglie non lavora più perché il suo lavoro è incompatibile con il distanziamento. Uno dei ragazzi però ha trovato il modo di superare il lockdown, sobbarcandosi le consegne per conto di tutti. È andato anche dalla nostra famiglia. Su Zoom si è parlato molto, forse troppo. Però due parole mi sono rimaste dentro: circostanza e realtà. La circostanza, la realtà, sono il posto dove andare a vedere che cosa ci riserva il mistero.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *