A sorpresa, nei giorni scorsi ho intercettato una parola dimenticata. Umiltà. Chi la pronunciava più? Eppure. Un giornalista di lungo corso. Un fisico molto stimato. Una scafata rockstar. Un banchiere ultraottantenne. È una parola fuori moda. Estranea al linguaggio corrente. Sentiamo parlare di crescita, di progresso, di ecosistema. È la legge dell’ottimismo, del dominio del mondo. L’ultima parola sfornata da uno scrittore molto ascoltato è audacia. Proprio così. Parola da supereroi. Audacia o umiltà? Umiltà sa di consapevolezza del limite. Di senso della misura. Sembra venire da un’altra epoca. Forse val la pena di tenersela in mente…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *