Domenica 27 novembre, alle 11 alla Sala degli Arazzi ospiterà l’evento conclusivo della rassegna “Musica e Pittura”, promossa da Fondazione Banca del Monte di Rovigo in collaborazione con Conservatorio di Musica “Francesco Venezze” e Accademia dei Concordi.

“Musica e Pittura” viene proposta continuativamente, sempre rinnovata, da ben 21 edizioni, e da alcuni anni in un’unica manifestazione insieme a “Musica e Poesia” in otto appuntamenti autunnali, la domenica mattina ai Concordi, seguiti con costante interesse dal pubblico rodigino. E’ organizzata con il patrocinio della Fondazione per lo Sviluppo del Polesine in campo letterario, artistico e musicale e il contributo di Credem Banca.

Il concerto conclusivo porta il titolo “Paysages D’Eau”, coerente con il tema dell’acqua che ha legato tutta la rassegna. Imperniato sulla fluidità simbolicamente rappresentata in musica soprattutto dal flauto, con i suoi sinuosi arabeschi, il concerto propone due quartetti per flauti “Arcadie” e “Jour d’été à la montagne”, rispettivamente di Marc Berthomieu e di Eugène Bozza, che incorniciano un programma “acquatico” tutto francese comprendente al suo interno il brano simbolo della letteratura flautistica, Syrinx per flauto solo di Claude Debussy, Barcarola et Scherzo di Alfredo Casella, composto a Parigi agli inizi del Novecento, Sur l’eau di Philippe Gaubert e Jeux, un dittico di frizzanti giochi d’acqua composto da Jacques Ibert.

Protagonisti del concerto i quattro “flauti” di Veronica Rodella, Damiano Rizzato, Mattia Pecoraro e Alessandra Nocera, con la partecipazione del pianista Francesco De Poli.

OLYMPUS DIGITAL CAMERA
OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Come di consueto, ad impreziosire la proposta culturale offerta alla città dagli enti promotori, a precedere il momento musicale sarà la presentazione di un’opera d’arte della prestigiosa Pinacoteca dell’Accademia dei Concordi. Protagonista di domenica prossima sarà uno dei più celebri dipinti della Pinacoteca Concordiana, Vanitas di Jan Gossaert detto il Mabuse, pittore fiammingo del Cinquecento che molto si è ispirato alla pittura rinascimentale italiana. Ad illustrare il prezioso dipinto sarà Alessia Vedova.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *