Un giorno d’inverno freddo e piovoso di tanto tempo fa andai a confessarmi. Avevo tirato qualche gonfia bestemmia ma soprattutto mi ero toccato molte volte pensando alla mamma di un mio amico.

Il prete, che si chiamava don Gianpietro e aveva un gran pancione e un alito molto cattivo, mi disse che avevo fatto una cosa tremenda, che non sapeva se dio mi avrebbe perdonato e che le bestemmie erano poca cosa in confronto al toccarsi.

Mentre tornavo a casa nel freddo e sotto un ombrello bucato ci parlai io con dio, che in quel tempo mi parlava ancora; e dio mi disse che offenderlo con tutte quelle brutte parole era inutile, ma che per il resto non dessi retta a quel muso da rospo del prete e che la mamma del mio amico era buona e bella e fin che si trattava di toccarsi pensando a lei era una cosa che ci poteva stare.

Io ho seguito molte volte il suo consiglio e da grande non ho pensato una sola volta di toccare le bambine.

Una risposta

  1. Caro Sandro,
    cussì come che tea meti ti pararia che te podarissi no ver tocà e putee, ma ver tocà i putei.
    Si dà il caso che Ernesto De Martino, noto certo a te, abbia affermato che la questione della pedofilia, che è una malattia: e qui non ci piove, nel caso dei preti è legata al sacro: è il rapporto col sacro, quello che loro chiamano Fede, che spersonalizza facendo dimenticare la dualità femminile-maschile. Il sacro tende a sublimare gli impulsi erotici, esteriorità della la libido che è come dire della Vita, ma gli impulsi erotici non si possono sublimare che è come dire eliminare, si possono solo involontariamente orientare in direzione diversa.
    Non sono uno specialista, ma credo di avere capito e di essermi spiegato.
    Non dimentichiamo mai poi, che la pedofilia è frequente fra noi maschi, ma del tutto o qualsi assente nelle femmine: è questa una questine legata al patriarcato? Bisognerebbe però avere una analisi del comportamento derlle suore. Tu sai bene che “La monaca” è un romanzo del 1800, l’età mi dà smemoratezza e non ricordo ora il nome dell’autore, che se non erro riguarda il caso reale di pedofilia femminile in un convento di monache.
    Ah! La Fede!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *