Prosegue la rassegna estiva dell’associazione REM “Tante storie per un’estate”.
Il terzo appuntamento è dedicato alla scrittrice Giulia Baldelli e al suo romanzo d’esordio “L’estate che resta” pubblicato da Guanda.
Venerdì 22 luglio, ai Giardini Zen di Adria alle ore 21.15, la scrittrice presenterà il suo libro in un dialogo con Martina Romagnolo. La loro conversazione sarà cadenzata dalle letture a cura di Sarah Lanzoni. Come gli altri incontri della rassegna anche questo sarà arricchito da interventi musicali, questa volta condotti da Francesco Ferrarese al violino e Giacomo Favero alla chitarra.

“L’estate che resta” narra l’incontro, ancora bambine, tra Giulia e Cristi, negli anni Novanta, durante le estati trascorse in un piccolo paese delle Marche. Giulia, determinata e razionale, subisce il fascino di Cristi, così fragile e così selvaggia, e capisce presto di provare per lei qualcosa di più sconvolgente e più scottante dell’amicizia. Anche Cristi è attratta da Giulia, però i suoi occhi cercano in continuazione Mattia, un bambino che sembra comprendere la sua natura selvatica più profondamente di quanto l’altra riesca a fare. Dopo una serie di estati scandite dai giochi in riva al fiume e da sofferte gelosie, i tre, arrivati alla soglia dell’adolescenza, si separano. Dieci anni più tardi, Giulia e Cristi si ritrovano a Bologna e il loro amore mai dimenticato esplode. Ma di nuovo a turbare l’equilibrio ricompare Mattia. Da quel momento le loro vite appassionate si legano per sempre. Cristi, che sa farsi amare da Giulia disperatamente e a sua volta ama senza regole, rimane il vertice irresistibile del triangolo. In una storia d’amore totalizzante, che non si cura dei generi, sopporta gli abbandoni e alla fine, quando brucia, lascia una cenere speciale da cui non può che rinascere amore.

Giulia Baldelli. È nata a Fano, affacciata sul mare marchigiano in provincia di Pesaro e Urbino, nel 1979. Dal 1998 si è trasferita a Bologna dove si è laureata in Chimica e tecnologie farmaceutiche. Vive con il marito e i loro tre figli. “L’estate che resta” è il suo romanzo d’esordio.

Per i lettori che volessero seguire qualche riflessione in più, pochi giorni fa in questo blog abbiamo pubblicato la bella recensione al libro scritta da Liana Isipato: qui.

Venerdì 22 luglio, dunque, ancora una serata intensa e suggestiva da non perdere con la rassegna ideata e realizzata da REM dedicata ad autori, libri, riflessioni, arricchita da musica, letture e un reading musicato per chiudere.

L’ultimo appuntamento con “Tante storie per un’estate”, ai Giardini Zen di Adria alle ore 21.15 sarà:

venerdì 29 luglio, COLLETTIVO SquiLibri, “Nella nebbia e nelle apparenze”
Reading musicato sul lavoro e le opere di Gianni Celati e Luigi Ghirri
La serata sarà introdotta da Barbara Pregnolato e Vainer Tugnolo

Organizzazione Associazione REM Ricerca Esperienza Memoria. Regione del Veneto, nell’ambito di Veneto Books, rassegna diffusa di cultura editoriale promossa dall’Associazione Editori Veneti. Con il patrocinio dell’Amministrazione Comunale di Adria. In collaborazione con Adria Shopping. Nel programma di Adria Città che Legge.

Per i dettagli, seguiteci su remweb.it e sulle pagine Facebook e Instagram di REM!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.