Nel numero d’autunno della rivista REM tanto spazio è dedicato ai luoghi del Polesine: per ricordare l’alluvione del 1951, raccontare le instabilità del territorio, i 60 anni di attività del Museo Archeologico e i tesori che custodisce, per approfondire la lingua e il dialetto, e altro ancora.
C’è una dimensione poetica in tutto questo che trova il suo centro nella ricognizione scritta da Diego Crivellari “La Comacchio di Ungaretti. Una felice riscoperta”: da pag. 54 a pag. 59.

Diego Crivellari sarà uno degli autori protagonisti sabato 9 ottobre al Museo Archeologico Nazionale di Adria, per presentare REM 25 e approfondire alcune pagine.
Vale la pena soffermarsi su tutto in verità, articolo dopo articolo, ma ripensare a un poeta come Ungaretti, un poeta che è stato anche un grande prosatore, vale come una pausa dalle tribolazioni.

“Ungaretti, come ogni vero e profondo scrittore, scrive per il lettore e scrive prima ancora per sé, di conseguenza anche un ritratto d’occasione, anche il racconto di viaggio, il reportage, diventa essenzialmente il resoconto vivo e irripetibile di un’esperienza radicalmente soggettiva e, come dire, multisensoriale, un’esperienza unica e non replicabile, si parli del paesaggio del Delta del Po o delle Puglie, della pesca delle anguille o della decifrazione ammirata di qualche remota architettura civile e religiosa appartenente ad uno dei tanti tesori nascosti della nostra penisola”.

Il 9 ottobre REM 25 farà la sua prima uscita pubblica, realizzata dalla nostra associazione in collaborazione con il MiC, Ministero della Cultura – Direzione regionale Musei Veneto e con il patrocinio del Comune di Adria.

L’evento è inserito nel calendario del Progetto VALUE, in programma ai giardini del Museo il 9 e 10 ottobre.

Racconteremo la corposità di questo numero, ascolteremo Alberta Facchi mentre ci accompagna con le parole dentro la storia e le attività del Museo Archeologico; apriremo lo sguardo al territorio con la Storia di copertina di Danilo Trombin “L’alluvione del 1951 in Polesine. Settant’anni di resistenza”; esploreremo la ricchezza culturale dei luoghi con l’articolo di Diego Crivellari “La Comacchio di Ungaretti. Una felice riscoperta”; infine, faremo un salto temporale con “Viaggio nell’Italia dell’Antropocene – Conversazione con Telmo Pievani su futuro distopico e presente antropico” di Elena Cardillo.
Sarà il direttore responsabile di REM, Sandro Marchioro, a coordinare l’incontro e a conversare con gli autori.

Dove acquistare REM

REM è disponibile in tutte le edicole della provincia di Rovigo e si trova in vendita anche alle librerie Libri Appesi di Adria, Ubik di Rovigo di Piazza Vittorio e Fattoria ed Edera di Carta di Cavarzere. Si può anche richiedere tramite il sito di Apogeo Editore, a questo link.

Invitiamo i lettori a seguire la nostra comunicazione social sulle pagine Facebook e Instagram di REM.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *