Natalino Balasso

Attore dai mille volti con un’idea molto precisa del suo mestiere. Natalino Balasso ha rilasciato un’intervista per il numero 26 della rivista REM, dove da diversi anni anima la rubrica “Taccuino futile”.
Nella lunga conversazione “Trovare linguaggi, raccontare storie, divergere dalla realtà. Dal teatro allo schermo, i territori sempre nuovi di Natalino Balasso”, l’attore di Porto Tolle ha parlato con Elena Cardillo di teatro, cinema, tv, web; del ruolo o dei tanti ruoli di un attore, di tag, di routine (di come evitarla), di comicità e dramma.
Insomma, Natalino Balasso mostra la sua forma camaleontica e porta in scena la grande arte di catalizzare gli spettatori.

Sabato 14 maggio l’attore sarà al Teatro Comunale di Adria con il suo “Dizionario Balasso”, e noi proponiamo ai lettori un passaggio, a pagina 38, dell’intervista su REM 26:

Tra le pièce teatrali che hai portato in scena ci sono classici come Goldoni, Cechov, Beckett, adesso Ruzante, ma anche monologhi come Velodimaya e Dizionario Balasso che lavorano sulle parole. Sei camaleontico. E al cinema sei un’altra cosa ancora. Questa varietà ha a che fare con l’idea di fuggire a quelle etichette?
Sicuramente sono linguaggi diversi, difficili da trasferire dalla letteratura, al teatro, al cinema, al video (televisivo o web). L’errore sarebbe proprio trattarli allo stesso modo. Avremmo un impoverimento nel modo di recitare.
Sui temi la prima domanda che l’artista dovrebbe porsi è: cosa sto facendo? La peggiore nemica di un artista è la routine. Se approccio impiegatiziamente questo lavoro, avrò un pubblico che si accontenta e vuole rivedere le stesse cose: un atteggiamento infantile del pubblico che garantisce dei risultati all’artista.
Credo sia sempre necessario farsi lo sgambetto. È l’unico modo per trovare linguaggi nuovi e per trovare lo stimolo a creare cose nuove.

Questo e tutti gli altri articoli della rivista sono da leggere sfogliando le pagine, una dopo l’altra, con il piacere dei polpastrelli, ascoltando il fruscio della carta e delle parole.
Su Remweb continuiamo a scartabellare e a regalare spicchi di pensieri per scoprire fino all’ultima pagina REM 26.

Dove acquistare REM

REM 26 è disponibile in tutte le edicole della provincia di Rovigo e si trova in vendita anche alle librerie Libri Appesi di Adria, Ubik di Rovigo di Piazza Vittorio e Fattoria ed Edera di Carta di Cavarzere. Si può anche richiedere tramite il sito di Apogeo Editore, a questo link.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.