Hanno percorso 1.138 chilometri nel 2016, i soci della Fiab – Amici della Bici di Rovigo, che sabato scorso ha fatto il punto sui successi e i risultati, nel corso dell’assemblea annuale. 

Ben 15 escursioni, 3 vacanze in bici, 7 eventi locali, 135 soci, un numero crescente di anno in anno, oltre mille chilometri percorsi in bici, con un risparmio di Co2 pari a 7 tonnellate in un anno. Come se fosse stato piantato un piccolo bosco. 

Sono i numeri dell’anno ormai concluso della Fiab (Federazione Italiana Amici della Bicicletta) – Amici della bici di Rovigo, i cui soci si sono ritrovati sabato all’hotel Cristallo per l’annuale assemblea di fine anno, appuntamento fissato per l’elezione del direttivo e lo scambio degli auguri natalizi. Un’occasione anche per stilare un bilancio del 2016 e progettare le attività per il nuovo anno.

Sono ben 25 gli eventi realizzati negli ultimi 12 mesi, 5 in più rispetto al 2015, mediamente 2 al mese. L’impegno ha dato come primo risultato l’esponenziale crescita degli associati che, dalla cifra di 120 tesserati del 2015, ha raggiunto la nuova vetta con 135 adesioni. Adesioni che, volendo fare una lettura più dettagliata, hanno visto una predominanza di donne (70 contro i 65 uomini).

Ricco il programma di proposte della Fiab, che nell’anno in via di conclusione ha promosso 15 escursioni in bicicletta, che hanno visto coinvolti ben 377 partecipanti, tra soci e non (134 in più rispetto al 2015), e che insieme hanno percorso più di 800 chilometri. E ancora, tre ciclovacanze che hanno portato a Torino, nella zona dei Sibillini e al lago di Bolsena, coinvolgendo ben 119 persone, e infine 7 iniziative per una riappropriazione urbana attraverso la bicicletta o iniziative culturali con tema la due ruote, con ben 438 partecipanti.

Volendo tradurre queste attività in effetti concreti per l’ambiente, i chilometri percorsi complessivamente in tutti gli spostamenti sono 1.138 in un anno, pari a 7.178,5 chilogrammi di Co2 risparmiata grazie all’uso della bici. Per dirla altrimenti, l’equivalente di piantare 479 alberi. Un risultato praticamente doppio di quello del 2015 (238 alberi). Chi sceglie di fare turismo in bicicletta, compie un gesto importante per l’ambiente, riducendo l’impatto ambientale rispetto al turismo in automobile o con altri mezzi inquinanti.

assemblea-fiab-2016-2

“Ancora c’è molto da lavorare rispetto all’incisività delle attività associative sulla sensibilità cittadina e dell’amministrazione locale, in merito alle tematiche della sicurezza degli utenti deboli della strada e sulla messa a norma del tessuto ciclabile rodigino”, dichiara l’associazione, che evidenzia ancora una volta “la pessima e dannosa qualità dell’aria di Rovigo” e “l’immobilità politica” rispetto al problema, ribadendo che “incentivare le buone pratiche come quella di utilizzare la bicicletta quale mezzo di trasporto o favorire gli spostamenti sui mezzi pubblici anziché quelli privati sarebbe la più semplice delle disposizioni da assumere”.

Il nuovo direttivo eletto dall’assemblea è composto da Sandro Burgato, Cinzia Malin, Denis Maragno, Franco Pavanello, Silvana Sartorello, Ornella Veronese. New entry è Roberto Pezzuolo, che sostituisce Manuela Ciccone.

Il programma sociale 2017 è scaricabile dal sito: https://rovigoinbici.org/programma-2017

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *