Voi aprite la caccia? Noi apriamo le oasi! La sfida del Wwf alle doppiette

All’apertura della stagione di caccia, già contestata dalle associazioni per l’ambiente, il Wwf ha risposto con una giornata per scoprire e prendersi cura delle oasi naturali del Polesine. La stagione venatoria, iniziata proprio ieri, domenica 17 settembre, era già partita con il piede sbagliato: la siccità che ha colpito duramente molte regioni italiane, tra cui il Veneto, e gli incendi che hanno devastato le zone boscose, hanno reso ancora più fragili i nostri delicati ecosistemi. Tanto che le associazioni ambientaliste, nelle scorse settimane, avevano chiesto di fermare le doppiette, per non dare il colpo di grazia alla fauna, già duramente provata.

Tabellazione Boji 16-09-17a

 

E se le doppiette hanno ripreso a sparare comunque – com’era del resto prevedibile – il Wwf ha fatto coincidere con l’apertura di stagione con un’apertura di alcuni tra i luoghi più belli del Polesine, per far scoprire a tutti come vivere pienamente la natura, rispettandola e prendendosene cura.  

La scorsa settimana, gli attivisti del Wwf provinciale di Rovigo avevano posto le nuove tabelle di divieto di caccia nelle varie oasi della provincia, dall’oasi valle della Buora di Salvaterra, vicino a Badia Polesine, all’oasi di Concadirame, vicino al capoluogo, fino a quella di Canalnovo di Villanova Marchesana. Cartellonistica indispensabile per evitare l’irruzione di cacciatori anche nelle aree protette.

Raccolta rifiuti Panarella 17-09-17

 

Ieri un folto gruppo di attivisti si è infine ritrovato all’oasi golena di Panarella, alle porte del Delta del Po, per una pulizia dai rifiuti abbandonati lungo i sentieri. I volontari hanno anche rimesso in libertà un allocco, un raro esemplare di rapace notturno, ritrovato ferito qualche mese fa e curato presso il Centro Recupero Animali Selvatici. La giornata si è conclusa con una tavolata in compagnia.

Un “buon esempio” per incoraggiare a vivere all’aria aperta e a contatto con la natura, in modo pacifico e rispettoso dell’ambiente.

Allocco Panarella 17-09-17

Lascia un commento